Rassegna stampa dall'Olocausto di Gaza. Ansa.

Da http://www.ansa.it/opencms/export/site/ 

TEL AVIV – Centouno palestinesi sono rimasti uccisi dal fuoco 
israeliano a Gaza a partire dalla mattinata di mercoledì, quando la 
situazione è precipitata con la uccisione di cinque responsabili del 
braccio armato di Hamas a Khan Yunis, a sud di Gaza. Secondo fonti 
israeliane, stavano preparando un grave attentato. Nei primi tre 
giorni di combattimenti, sono rimasti uccisi a Gaza 35 palestinesi. 
Ieri, in quella che la stampa palestinese definisce "la giornata più 
cruenta nei Territori dalla guerra del 1967", ne sono rimasti uccisi 
altri 61, fra cui anche civili, donne e bambini. Oggi il bilancio 
delle vittime è di cinque: un miliziano e l’autista di un’ambulanza 
(i cui cadaveri sono stati recuperati nelle ultime ore), una bambina 
deceduta in ospedale per le ferite riportate ieri e due palestinesi 
uccisi a Jabalya da cecchini israeliani.

CONSIGLIO DI SICUREZZA ONU CHIEDE FINE VIOLENZE
Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha chiesto a Israele e 
ai militanti palestinesi di mettere fine a tutte le violenze a Gaza. 
"I membri del Consiglio di sicurezza sono profondamente preoccupati 
per la perdita di vite umane nella parte meridionale di Israele e a 
Gaza e condannano l’escalation di violenze", si legge nel comunicato 
reso noto dall’ambasciatore russo alle Nazioni Unite Vitaly Ciurkin, 
attuale presidente di turno. "Questi eventi – prosegue il testo – 
sottolineano la necessità che tutte le parti cessino immediatamente 
tutti gli atti di violenza". La giornata di ieri è stata la più 
sanguinosa dall’inizio dell’Intifada nel 2000: 60 palestinesi uccisi, 
tra cui nove adolescenti e tre donne, e da parte israeliana due 
soldati morti e sei feriti e cinque civili feriti, tra cui due 
bambini. La riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza è durata 
cinque ore. Nel suo intervento il segretario generale delle Nazioni 
Unite Ban Ki-moon aveva condannato sia il lancio di razzi da parte 
dei palestinesi, sia la risposta israeliana. "Pur riconoscendo il 
diritto di Israele a difendersi, condanno l’uso sproporzionato ed 
eccessivo della forza che ha ucciso e ferito così tanti civili, tra 
cui bambini", ha detto Ban Ki-Moon aggiungendo "Chiedo a Israele di 
cessare tali attacchi". Il segretario generale ha poi parlato di 26 
attacchi compiuti con razzi dai palestinesi nella sola giornata di 
ieri aggiungendo:"Condanno gli attacchi palestinesi con razzi e 
chiedo l’immediata cessazione di questi atti di terrorismo". Fonti 
diplomatiche hanno fatto sapere che alcune delegazioni avrebbero 
voluto che il comunicato del consiglio riprendesse la formulazione 
più dura di Ban Ki-Moon. La Libia però ha obiettato all’uso del 
termine "terrorismo" riferito al lancio di razzi, mentre gli Stati 
Uniti non avrebbero gradito il termine "eccessivo" usato per definire 
la risposta israeliana, ma l’avrebbero accettato in cambio del 
termine "terrorismo".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.