‘Rilascio condizionato a deportazione’. Deputato palestinese si rifiuta e resta in carcere

Al-Quds (Gerusalemme) – InfoPal. Un tribunale israeliano ha deciso la deportazione del deputato palestinese catturato lo scorso 26 settembre in un raid contro la sede gerosolimitana del Comitato della Croce Rossa internazionale (Icrc) dove era rifugiato da oltre un anno insieme ad altri colleghi minacciati di deportazione da Israele.

Dopo l'operazione conclusasi con il suo rapimento, la giustizia israeliana ne ha deciso ieri il rilascio condizionato alla sua deportazione e al pagamento di una multa di 13mila dollari.

Il deputato Ahmed 'Atoun non potrà entrare a Gerusalemme, a meno che, in futuro, la Corte suprema israeliana non dovesse permetterglielo.

'Atoun ha respinto la decisione e si è rifiutato di firmare qualunque documento che ne conferisca l'avallo. Il deputato palestinese, quindi, resterà in carcere fino a proseguimento del caso.

Dopo aver appreso l'esito della sentenza, familiari e colleghi hanno manifestato davanti al Palazzo di Giustizia per chiedere la fine delle aggressioni israeliane.

Articoli correlati:

Deputato palestinese rapito denuncia abusi e maltrattamenti subiti dagli israeliani 

Deputato palestinese arrestato in un raid di Israele nella sede di Icrc


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.