Giovane palestinese ucciso a sangue freddo da soldati israeliani: era andato a trovare la nonna

A cura dei Giovani Palestinesi d’Italia. Venerdì sera intorno, alle ore 19:00, nei Territori palestinesi occupati, il giovane Raed Al Bahr, di 25 anni, residente a Kufr Zebad, in provincia di Tulkarem, è stato brutalmente assassinato dalle forze di sicurezza israeliane con dei colpi di fucile.

Raed si era recato nei pressi del check-point di Jbara, a Tulkarm, per consegnare in dono delle olive alla nonna, che abita al di là del muro nella città di Tira, lasciandole alle nipoti di quest’ultima.

Il giovane, dopo aver consegnato il dono, è stato inspiegabilmente fermato da alcuni soldati israeliani che lo hanno accusato di stringere in mano un coltello. L’esercito ha quindi fatto fuoco lasciando per terra il cadavere senza chiamare i soccorsi.

Fonti rivelano che il giovane non era in possesso di alcun coltello. Il corpo è ancora in mano dell’autorità israeliana ed ai famigliari al momento è impedito di vederlo.

L’esecuzione a sangue freddo di Raed non è un caso isolato ma una pratica diffusa lungo i check-point o durante un controlli di esercito e polizia israeliani.

L’ultima vittima fu una donna, al check-point di Qalandiya, il 18 settembre scorso. Il caso peggiore fu il 21 marzo scorso quando quattro palestinesi furono uccisi in 24 ore.

Secondo Amnesty International, e altre associazioni per i diritti umani, solamente nell’ultimo anno sono centinaia i casi come questo, dove l’esercito israeliano, in territorio occupato, agisce con eccessivo uso della forza, fino all’assassinio, contro civili palestinesi disarmati o che non presentano una minaccia per i soldati o per chiunque altro.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"