I coloni sradicano oltre 1200 alberi di ulivo. 5700 dall’inizio dell’anno

palestine_olivetrees_cRamallah-Quds Press. Il 26 marzo, un gruppo di coloni ha sradicato più di 1200 piantine di ulivo in uno dei terreni agricoli palestinesi a nord della città di Ramallah, al centro della Cisgiordania occupata.

Rahbi ‘Awad, presidente del consiglio comunale di Tarmus‘yya, nella regione di Ramallah, ha affermato, in una dichiarazione inviata a Quds Press, che un gruppo di coloni ebrei ha cominciato un’azione di sabotaggio, sradicando centinaia di alberi e alberelli di ulivo, piantati nei terreni della regione di al-Dharat, a est della città, aggiungendo che gli abitanti della zona avevano piantato, circa due mesi fa, quasi 4000 piantine di ulivo, per proteggere i propri terreni dal rischio della confisca, dal momento che l’occupazione sequestra le terre per crearvi insediamenti.

‘Awad ha osservato che i coloni hanno rubato numerosi alberelli di ulivo e distrutto irrimediabilmente gli alberi adulti.

E’ interessante sottolineare che gli estremisti ebrei hanno cominciato meno di un mese fa a irrompere nei terreni per sradicare e abbattere migliaia di ulivi e di mandorli nelle città a nord di Ramallah, soprattutto nelle cittadine di Sanjal e di Tarmus‘yya.

Dall’inizio dell’anno, in tutta la Cisgiordania, il numero di ulivi distrutti è di 5.700.

Traduzione di Federica Pistono

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"