Israele: rifiutiamo la tregua con Hamas per proteggere Abbas.

Tel Aviv – Infopal

Dan Meridor, ex ministro della giustizia israeliano, ha dichiarato che Israele non firmerà una tregua con Hamas, perché intende "proteggere il futuro dell’Anp e del suo presidente Mahmud Abbas", che ha definito "debole e non in grado di imporre una soluzione pacifica".

In una dichiarazione alla stampa, l’ex ministro ha fatto sapere che "Tel Aviv non firmerà una tregua diretta o indiretta con Hamas, per evitare di riconoscere il movimento come una forza politica legale". Prevede, infatti, che ciò "aprirebbe a Hamas le porte del riconoscimento politico e del sostegno economico, portando alla fine Fatah, perché il movimento islamico convincerebbe il popolo palestinese della possibilità di raggiungere un cessate il fuoco senza fare la pace con Israele".

Meridor ha spiegato, poi, che la tregua reciproca "potrebbe soddisfare un bisogno della sicurezza, ma danneggerebbe gli interessi strategici israeliani e porterebbe alla liquidazione dell’Olp". Va ricordato che Israele ha sempre considerato l’Olp un’organizzazione terroristica, mentre ora è intenzionata a proteggerla in funzione anti-Hamas.

Fonti politiche e di informazione avevano confermato "sforzi egiziani per trovare una forma di tregua tra il movimento di Hamas e l’occupazione israeliana", in particolare a seguito dell’’olocausto’ israeliano contro la Striscia di Gaza, durante il quale sono stati uccisi 133 palestinesi, tra cui molti bambini e donne.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"