Maan/Reuters: Mashaal non ritornerà in Siria

Gaza – Maan/Reuters. Il capo di Hamas Khalid Mashaal ha definitivamente abbandonato il suo quartier generale nella capitale siriana, Damasco, riferiscono fonti diplomatiche e i servizi segreti.

“Mashaal non risiede più in Siria al momento, come era solito fare. E’ via per quasi tutto il tempo,” ha dichiarato un diplomatico nella regione che ha preferito mantenere l’anonimato.

Una fonte dei servizi segreti della regione, che ha preferito non essere identificata, ha dichiarato: “Non tornerà in Siria. Questa è la decisione che ha preso. C’è ancora una presenza regionale di Hamas, ma è insignificante”.

Damasco rimane isolata in seguito alla sanguinosa rivolta contro il governo del Presidente Bashar al-Assad che va avanti ormai da dieci mesi e non è sicura, ha riferito il diplomatico, aggiungendo che Mashaal non era più in grado di ricevere visitatori internazionali nella città.

Alcuni analisti ritengono che Mashaal fosse inoltre imbarazzato dalla violenta repressione per mano di Assad, che conta più di 5.000 persone uccise. Molte vittime delle forze di sicurezza erano musulmani sunniti alleati ai Fratelli Musulmani, sui quali Mashaal fa affidamento.

Assad è spalleggiato principalmente dalla sua setta minoritaria Alawita e da altre minoranze.

Le fonti hanno dichiarato che Mashaal non chiuderà pubblicamente il suo quartier generale politico di Hamas in Siria, il quale è stato a lungo ospitato da Assad e da suo padre prima di lui.

“Il mese scorso è stato al massimo cinque giorni in Siria, mentre il tempo rimanente l’ha trascorso tra Qatar, Turchia e Egitto”, ha dichiarato il diplomatico. “Ma non ha chiuso completamente il quartier generale in Siria e vi rimangono ancora alcuni ufficiali”.

“La nostra convinzione è che Hamas non annuncerà il proprio distacco dalla Siria persino se questo avvenisse”, ha aggiunto il diplomatico.

Le fonti hanno dichiarato che Mashaal era al momento in Egitto. Ma “non c’era alcun accordo per aprire un ufficio al Cairo. Non ancora”, ha affermato il diplomatico. “La residenza prevista per Mashaal è il Qatar dove potrebbe stare la maggior parte del tempo finché la situazione in Siria non migliora”.

Il Qatar è il critico più diretto di Assad nel mondo arabo. La mediazione del Qatar è stata utile nell’organizzare l’imminente visita di Mashaal in Giordania, la settimana prossima, che ripristinerà dei legami con la monarchia più di un decennio dopo che Hamas fu espulsa dal regno.

Hamas, fondato nel 1987 e visto da Israele e dall’Occidente come un’organizzazione terroristica, è da tempo appoggiata dall’Iran, un forte alleato di Assad. Ma sembra che i finanziamenti si siano fermati negli scorsi quattro mesi, ha dichiarato il diplomatico.

“L’Iran era solito donare tra i 250 e i 300 milioni di dollari a Hamas, ma ci sono state delle interruzioni nei pagamenti l’anno scorso. Ci sembra di capire che non ci sia stato alcun pagamento dallo scorso agosto”, ha riferito.

Si riteneva che il leader di Hamas nella Striscia di Gaza, Ismail Haniyah, “ricevesse promesse dalla Turchia di fornire il movimento e l’amministrazione con 300 milioni di dollari all’anno per aiutare Gaza.”

Il ministro degli esteri di Gaza Muhammad Awad ha negato, lo scorso venerdì, le segnalazioni dei media israeliani secondo cui il suo governo riceve un pagamento annuale di milione di dollari dal governo turco.

“Non abbiamo alcuna informazione riguardo pagamenti annuali dalla Turchia”, ha riferito Awad a Ma’an.

Anche la Turchia è un forte critico della repressione di Assad nel suo vicino meridionale, la Siria.

La partenza di Haniyah per l’Iran è fissata per i prossimi giorni.

Traduzione per InfoPal a cura di Marta Fadda.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"