Il Muro dell’Apartheid, uno dei più famosi muri al mondo

A cura dei Giovani Palestinesi d’Italia.

Tra i tanti muri nel mondo, è famoso quello costruito da Israele nei Territori palestinesi occupati. Alto 13 metri e lungo 570 km, il muro parte dal nord della città palestinese di Tulkarem, scendendo poi verso i quartieri palestinesi di Gerusalemme fino a sud di Betlemme. Il muro dovrebbe seguire la linea di separazione tra Israele e Cisgiordania, chiamata Linea Verde, che segna le frontiere precedenti alla guerra dei sei giorni del 1967.

Nel 1987 scoppia la prima intifada, partita da Gaza, che si conclude nel 1993 con la firma degli accordi di Oslo e la nascita dell’Autorità nazionale palestinese (ANP).

La Cisgiordania viene divisa in tre aree amministrative: l’area A, sotto controllo palestinese (18% del territorio); l’area B, a controllo misto (21% del territorio); e l’area C, controllata da Israele (60% del territorio). La maggioranza della popolazione palestinese vive nelle zone A e B. Circa il 70% dell’area C – che comprende la maggior parte dei terreni agricoli, delle risorse naturali e delle terre disponibili – è di fatto a uso esclusivo degli israeliani.

Sulla costruzione del muro, Israele si appella alla legittima difesa secondo quanto disciplinato dell’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite, ma la Corte Internazionale di Giustizia nel luglio del 2004 ha definito questo muro illegale costituendo in primis l’annessione de facto di territorio palestinese all’interno di Israele (a questo proposito, i dati ONU del 2015 hanno dimostrato come già il 12% del territorio palestinese sia stato inglobato all’interno di Israele), ed ostacolo al diritto all’autodeterminazione del popolo palestinese, oltre a non seguire la Linea Verde.
A sottolineare l’illegalità di questo muro, nonché la debolezza della giustificazione di Israele, sono le colonie israeliane che vengono costruite a ridosso del muro, rispondendo così alla politica israeliana di accerchiamento delle città palestinesi racchiuse dal muro. Colonie israeliane che, c’è da ricordare, sono illegali come disciplinato dall’articolo 49 della IV Convenzione di Ginevra del 1949.

Senza il rispetto della legalità non può esserci giustizia, e senza giustizia non può esserci pace.

#GiovaniPalestinesidItalia #muro #Palestina

tag:

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"