Abbas e Haniyah si sono incontrati ieri per discutere la tregua tra le fazioni.

Si è svolto ieri in segreto, nella sede della presidenza a Gaza, l’incontro tra il presidente Mahmoud Abbas e il primo ministro Ismail Haniyah.
I temi sul tavolo delle discussioni erano "la tregua con lo Stato di Israele a condizione del blocco delle attuali  aggressione contro la Striscia di Gaza”.
Il consigliere del primo ministro, Ahmad Yusef, ha chiesto a Israele di rispettare la tregua globale e di fermare tutte le operazioni in Cisgiordania e Gaza. In una dichiarazione alla stampa ha sottolineato: "Nessuno può convincere le fazioni a garantire una tregua se proseguono le aggressioni contro la Striscia di Gaza".

In una dichiarazione alla radio nazionale israeliana, il vice ministro della difesa israeliana, ha dichiarato: “E’ proibito in qualsiasi modo pensare alla proposta di Hamas e delle fazioni palestinesi di fermare il lancio dei missili in cambio della fine delle operazioni dell’esercito in Cisgiordania”.

Da parte sua, Saeb Erekat, capo della commissione per le trattative, ha annunciato che l’inconro tra Abbas e Haniyah aveva l’obiettivo di discutere della possibilità di applicare un nuovo piano di sicurezza per fermare la lotta interna a Gaza.

Nabil Abu Rudaynah, portavoce della presidenza, in una dichiarazione alla stampa, ha affermato che durante l’incontro i due leader hanno discusso della situazione interna, dell’escalation israeliana, degli incidenti del campo profughi di Nahr Al-Bared nel nord del Libano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.