Adolescente rapito, usato come scudo umano e torturato dall’esercito israeliano.

Hebron. Un ragazzo palestinese di 14 anni ha rivelato alla tv qatariota Al Jazeera i dettagli sul proprio rapimento da parte dell'esercito israeliano, e della tortura subita.

L'adolescente, Sabri Ibrahim Awad, è stato rapito all'ingresso della città di Beit Ummar, a nord di Hebron, in Cisgiordania, colpito e costretto a bere acqua inquinata.

Awad ha dichiarato ad Al Jazeera che i soldati israeliani lo hanno fermato all'ingresso di Beit Ummar e usato come scudo umano durante gli scontri contro i giovani palestinesi.

Una volta ammanettato, è stato poi costretto a rimanere di fronte alle jeep militari fino a quando è stato fatto entrare a forza in una di queste, dove poi è stato picchiato da alcuni soldati.

Egli ha affermato che si stava dirigendo a una festa di solidarietà nei confronti dei prigionieri politici palestinesi detenuti da Israele.

È stato malmenato per almeno due ore, prima che i soldati lo costringessero a immergere il suo volto nel liquame. Ed è stato picchiato ancora di più quando ha cercato vomitare il liquame stesso, ormai bloccato nella sua gola.

Attualmente Sabri soffre di contusioni e di forte dolore alle gambe e al viso; presenta evidenti ematomi e lividi intorno agli occhi.

Prima di venire finalmente rilasciato, i soldati lo hanno gettato in terra, hanno lanciato una bomba a gas (che è caduta vicino a lui) e se ne sono andati.

L'esercito israeliano ha sigillato Beit Ummar da ben sei giorni, dopo aver chiuso tutti i cancelli di ferro e aver collocato alcuni blocchi di cemento sulle strade principali che conducono alla città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.