Azmi Bishara, la Procura israeliana ha completato le accuse. Potrebbe essere condannato all'ergastolo. Intanto, l'ex deputato della Knesset teme l'assassinio mirato.

Migliaia di palestinesi con cittadinanza israeliana hanno manifestato a Nazareth in solidarietà con l’ex membro della Knesset, Azmi Bishara.

La manifestazione è stata lanciata dal partito dell’Assemblea nazionale democratica, di cui Bishara è il presidente.

Hanno partecipato alla protesta dirigenti politici palestinesi e membri arabi della Knesset.

La Procura generale israeliana ha completato la pubblicazione delle accuse contro Bishara in vista di una richiesta di arresto internazionale. L’ex deputato, infatti, ha lasciato Israele.

Tra le imputazioni, c’è quella di aver offerto aiuto e di aver ricevuto denaro da Hezbollah durante il conflitto con Israele, l’estate scorsa. Bishara è accusato di essere un "traditore", un "cospiratore" e di aver "riciclato denaro ‘sporco’".

La richiesta di estradizione coinvolge gli Stati che hanno firmato con Israele un accordo per la consegna dei "criminali": questo limiterà molto la libertà di movimento di Bishara all’estero, paesi arabi compresi.

Se catturato, è possibile che venga condannato all’ergastolo. Dimettendosi dalla Knesset, Bishara ha infatti perso il diritto all’immunità parlamentare.

L’ex deputato ha dichiarato in questi giorni di aver ricevuto molte minacce di morte e che teme di essere assassinato dal Mossad o da ebrei fanatici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.