Centinaia di feriti e di bambini manifestano davanti al valico di Beit Hanoun


Gaza – Infopal. Centinaia di palestinesi e di attivisti internazionali hanno manifestato di fronte al valico di Beit Hanoun (Erez) in segno di protesta contro l'embargo su Gaza e la chiusura israeliana dei punti di transito.

Alla testa dei manifestanti c'era Jamal al-Khudari, leader del Comitato popolare contro l'embargo, assieme ai feriti, agli invalidi, ai bambini orfani e ai familiari degli assassinati, in una manifestazione che ha innalzato la bandiera della Palestina e le foto dei martiri dell'embargo e dell'aggressione.

Il corteo, snodatosi dalle abitazioni al valico di Beit Hanoun, si è svolto nell'ambito delle attività di “Mille giorni di embargo… stop all'embargo e libertà per Gaza”.

In una conferenza stampa a latere della manifestazione, al-Khudari ha affermatco he è necessaria un'intifada palestinese, araba, islamica ed internazionale per rompere quest'embargo: “Bisogna che quest'intifada si svolga attraverso un continuo attivismo popolare in tutto il mondo e con la testimonianza degli internazionali, che possono poi raccontare fuori cosa succede a Gaza”.

Egli ha poi sottolineato l'importanza di una 'intifada delle navi', ricordando che il mese prossimo una flotta di aiuti proveniente dalla Turchia e dell'Europa giungerà a Gaza.

“Ci vuole anche un'intifada giuridica per portare in tribunale i criminali di guerra e i perpetratori dell'embargo; inoltre ci vuole anche una intifada parlamentare…”.

Al-Khudari ha poi esortato il “vertice arabo” a formare una delegazione d'alto rango per visitare Gaza, prendere atto della situazione e pianificare delle azioni per porre termine all'embargo, poiché non è accettabile che Ban Ki Moon e la Ashton visitino Gaza mentre non lo fa una delegazione araba d'alto rango.

Al-Khudari spera davvero che la visita di Ban Ki Moon porti a dei passi decisivi per far finire l'embargo.

Egli ha infine sottolineato che il popolo palestinese a Gaza, malgrado le sue ferite e i suoi dolori non dimenticherà mai al-Quds e non la lascerà mai diventare una città ebraica, pertanto ha rivolto un saluto particolare ai suoi abitanti che la difendono costantemente da tutti questi attacchi israeliani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.