Continuano gli attacchi israeliani via terra e via aria.

Dal nostro corrispondente.

 

Venerdì mattina sono stati uccisi due cittadini palestinesi vicino al valico di Kosofim, alla frontiera con i territori del ’48, al centro- est della Striscia di Gaza.

I due appartenevano alle Brigate Al-Quds, l’ala militare del Jihad Islamico: Mohammad Tanja e Salem Abu Zbaidah.

 

Le forze di occupazione israeliana hanno avvertito l’amministrazione palestinese della morte dei due, affermando che avevano intenzione di far saltare un carico di esplosivo.

I medici dell’ospedale di Deir Balah, dove sono stati portati i due cadaveri, hanno riferito che questi erano stati colpiti da raffiche provenienti da carri armati e da aerei presenti nei pressi del valico.

 

Le forze di occupazione hanno reso noto di aver avvistato i giovani e di aver sparato contro; da parte sua, l’aviazione ha lanciato almeno un missile.

 

I militari israeliani hanno aumentato gli attacchi criminali nella Striscia di Gaza causando la morte di decine di palestinesi, e costringendo la resistenza palestinese a rispondere lanciando missili artigianali contro le colonie israeliane adiacenti alla Striscia di Gaza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.