Egitto: istituzione di un consolato a Gaza dopo la formazione del governo

 

Gaza – Ma'an.  L’Egitto sta considerando la possibilità di istituire un consolato nella Città di Gaza, ha comunicato mercoledì un alto funzionario, affermando che il governo sovrintenderà il coordinamento dei viaggi per coloro a cui non è permesso il libero spostamento attraverso il valico di Rafah, aperto di recente.

Il governo, come ha annunciato al giornale arabo Al-Hal l’ambasciatore egiziano presso l’Autorità palestinese, Yaser Othman, sarà un distaccamento del consolato di Ramallah e potrà essere aperto subito dopo l’annuncio del nuovo e unificato governo palestinese.

Secondo il giornale, diffuso dal Birzeit University's Center for Media Development, con sede a Ramallah, Othman ha sostenuto che l’obiettivo principale del governo egiziano sarà il rilascio di permessi di viaggio per uomini di età compresa tra i diciotto e i quaranta anni d’età, che attualmente rappresentano l’unica categoria di persone a cui non è permesso il transito attraverso il valico di Rafah, tra l’Egitto e Gaza, aperto ai viaggiatori dal 28 di maggio, per la prima volta dopo quattro anni.

Al-Hal riporta le parole di Othman: “Dovrebbe essere chiaro, comunque, che la formazione di un nuovo governo e l’implementazione degli accordi di riconciliazione saranno il presupposto dell’agevolazione di molte azioni, inclusa la realizzazione di nuovi meccanismi a Rafah, che aiuteranno a migliorare la situazione di Gaza”.

Inizierà, inoltre, un rinnovo della lista nera, ha reso noto Othman, riferendosi all’elenco di circa 5.000 palestinesi, a cui è proibito giungere in Egitto attraverso il valico di Rafah. Tale lista, ha confermato, sarà “ridotta al minimo”, in base ai requisiti di sicurezza egiziani.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.