Escalation di attacchi aerei israeliani contro la Striscia di Gaza: sale a 9 il bilancio delle vittime. 20 razzi contro il sud di Israele.

Gaza – InfoPal. Ieri sera, nuovi raid aerei israeliani contro la Striscia di Gaza hanno provocato la morte di 4 combattenti delle brigate del Jihad islamico, facendo salire il bilancio delle vittime a 9.

Il nostro corrispondente ha raccontato che due delle vittime sono Sahil Jandiya e Mardi Hajaj, delle Brigate al-Quds.

Poche ore prima, in un altro raid contro Rafah erano stati uccisi altri due resistenti: Sami Abu Sabt e Suleiman Abu Fatima, sempre della stessa formazione militare. Diversi altri sono rimasti feriti.

Nella giornata di ieri, oltre 20 razzi e mortai palestinesi sono stati lanciati contro cittadine e insediamenti israeliani al confine con la Striscia di Gaza. I media israeliani hanno riferito che un uomo è morto a seguito delle ferite provocategli da un missile gazawi che aveva colpito la città di Ashqelon.

Sia il Jihad islamico sia il Fronte popolare per la liberazione della Palestina e le Brigate al-Aqsa, di Fatah, hanno rivendicato gli attacchi missilistici contro il sud di Israele.

Da parte sua, il portavoce di Hamas, Sami Abu Zuhri, ha accusato Israele di condurre una “grave escalation contro il nostro popolo”. 



 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.