Esperti israeliani: ‘Un aumento della spesa militare, la nostra risposta alla rinascita del protagonismo arabo’

An-Nasira (Nazareth) – InfoPal. Come in ambienti arabi, anche sul fronte israeliano esiste la consapevolezza di una rinascita araba, tuttavia, la prospettiva delle analisi israeliane è prima di tutto economica: “I mutamenti economici regionali influenzeranno gli equilibri geopolitici a spese dello Stato ebraico”. E quanto hanno dichiarato alcuni esperti israeliani, tra i quali il vice-direttore della Banca di Israele, che ha ammesso: “I tempi sono prematuri per disegnare uno scenario di questo tipo”.

L'aumento della spesa militare – fino a circa 600mila dollari all'anno – è giustificata proprio da tali previsioni.

Martedì scorso, durante un vertice in Parlamento del Comitato per le relazioni con l'estero e per la sicurezza, il capo di Stato Maggiore israeliano, gen. Beni Gantz, ha delineato l'avvento di “un protagonismo regionale arabo nuovo”. La lettura che ne dà Gantz è quella “di una sfida per Israele e per il suo esercito”, suggerendo l'apertura di nuovi fronti militari.

“Le proteste popolari così diffuse oggi nel mondo arabo – ha affermato il generale israeliano – potrebbero giungere in Israele e l'esercito deve essere ben equipaggiato e pronto ad affrontarle, quindi a sedarle qualora dovessero verificarsi pure in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza”.
Gantz ha dunque proposto un incremento della spesa militare. Poi, con riferimento alla prossima Freedom Flotilla, ha promesso di ricorrere “a qualunque mezzo” pur di arrestarla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.