Freedom Flotilla 2 per Gaza: la data della partenza non subirà modifiche

Bruxelles – InfoPal. “Una volta in mare, abbiamo messo in conto ogni possibilità, tranne quella della violenza da parte nostra”.
Così ha esordito Lane Fintan, del coordinamento della nave irlandese di Freedom Flotilla 2, pronta per salpare verso Gaza.

“Sappiamo che esiste il reale pericolo di un attacco da parte della Marina israeliana, come anche la possibilità che i militari israeliani tentino di prendere il controllo della Flotilla costringendoci a un dirottamento.
Noi siamo una realtà della non-violenza e non risponderemo con altra violenza”.

“Qualunque cosa ci accadrà a bordo della Freedom Flotilla, non sarà mai nulla di fronte alla brutalità di Israele contro il popolo palestinese. Questo è quanto mi dà il coraggio di salire a bordo”, ha aggiunto Trevor Hogan, giocatore di rugby irlandese che si unirà alla missione internazionale per rompere l'assedio su Gaza.

Ma oggi, da diversi fronti, promotori e passeggeri di Freedom Flotilla 2, hanno voluto mettere in chiaro che “la data della partenza non subirà modifiche”.

Lo ha confermato anche Rami 'Abdu, membro della European Campaign to End the Siege on Gaza (Ecesg), il quale ha tenuto a ricordare: “Uomini di legge, attivisti ed esperti di diritti umani, parlamentari, politici e artisti saliranno a bordo di Freedom Flotilla 2, per rompere l'assedio israeliano su Gaza. La presenza a bordo di giornalisti garantirà una copertura mediatica al viaggio, come di dovere”.

Ancora una volta, i governi europei sono stati invitati a intervenire per garantire la protezione fisica, ma anche legale, dei propri cittadini i quali, per la seconda volta, tenteranno di raggiungere via mare la Striscia di Gaza assediata da Israele da ormai cinque anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.