Gaza: ‘Ci stiamo preparando ad accogliere le due navi libanesi’

Gaza – Infopal. Il Comitato popolare contro l'embargo, ieri sera (21 giugno), ha organizzato un 'corteo marittimo' nel porto di Gaza per prepararsi ad accogliere le due navi libanesi  “Maryam” e “Nagi al-'Ali”, intenzionate a dirigersi verso Cipro e da lì verso Gaza per rompere l'embargo israeliano. Al corteo hanno partecipato il presidente del Comitato stesso, alcuni suoi membri e vari attivisti stranieri.

Le imbarcazioni che lo componevano hanno percorso un breve tragitto, sventolando bandiere palestinesi e libanesi, oltre a striscioni di saluto per le due navi libanesi.

Jamal al-Khudari, presidente del Comitato, al termine del corteo ha tenuto una conferenza stampa nella quale ha espresso l'assenso del governo libanese a che le due navi viaggino verso Gaza, smentendo perciò le voci secondo cui il governo libanese si starebbe opponendo.

Al-Khudari ritiene che le due navi arriveranno a giorni, poiché i loro equipaggi sono determinati ad arrivare per aiutare la popolazione sotto embargo.

“I partecipanti, di differenti nazionalità, non temono le minacce israeliane, pertanto non rinunceranno ad arrivare a Gaza per portare gli aiuti ai suoi abitanti”.

Al-Khudari ha anche rivelato che le due navi, organizzate da un ente palestinese  di cui è presidente Yaser Qashlaq, trasportano anche delle suore statunitensi ed altre personalità sia statunitensi che europee.

Gli aiuti delle due navi consistono in apparecchiature mediche (per la nefrologia, ad esempio), ma anche farmaci contro i tumori ed altri specifici per i bambini e le donne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.