Gerusalemme: previsti un museo ebraico e l’espulsione di 3.000 palestinesi.

Gerusalemme (al-Quds) occupata – Pic. Una fonte palestinese a Gerusalemme ha reso noto che Israele intende aprire il museo del Tempio ebraico a qualche metro dalla facciata ovest delle moschea di al-Aqsa, aggiungendolo così alla sinagoga recentemente aperta nell'area e chiamata “l'orgoglio d'Israele”.

Come ha riferito la fonte al Palestinian information center (Pic), Israele porterà avanti nei prossimi giorni diversi progetti ancora più pericolosi della sinagoga.

È stato quindi rivelato che un'altra sinagoga dal nome [in arabo, ndr] di Quds an-Nur verrà costruita nel quartiere di Sheikh Jarrah al posto di alcune case palestinesi, e che l'occupazione demolirà altre abitazioni nell'area di Attur, sostenendo che quest'ultima ospita un raro genere di avvoltoi.

L'occupazione starebbe inoltre progettando di espellere 3.000 cittadini gerosolimitani, mentre alcuni giorni fa a 160 altri è stato impedito l'ingresso a Gerusalemme.

Da parte sua, la fondazione al-Aqsa per le dotazioni e il patrimonio ha riportato che il comitato israeliano per le pianificazioni e le costruzioni nella città di Giaffa ha approvato una richiesta inviata da una compagnia d'investimenti israeliana – chiamata Nakesh – per l'edificazione di un albergo turistico sul terreno del cimitero islamico di al-Qishlah.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.