Hamas, Jihad islamico e FPLP non rinnoveranno la tregua con Israele: ‘Non ha rispettato gli accordi e ha continuato le aggressioni contro la Striscia’.

 

Gaza – Infopal. Le brigate al-Qassam, ala armata di Hamas, ieri hanno dichiarato che non si impegneranno più nella tregua con il “nemico sionista, poiché esso non ha rispettato gli accordi presi a giugno”.

Abu Obaida, portavoce del gruppo armato, ha fatto sapere che la tregua “non verrà estesa” e ha aggiunto che le Qassam opporranno resistenza all’invasione israeliana della Striscia di Gaza.

Da parte sua, Hamas ha affermato che il cessate il fuoco non sarà rinnovato perché Israele “non rispetta gli accordi presi”.

Il portavoce del movimento, Ismail Radwan, ieri ha spiegato che “la tregua non verrà rinnovata perché l’occupazione non l’ha mai rispettata: non ha aperto i passaggi, non ha posto fine all’assedio e alle aggressioni, non ha esteso il cessate il fuoco alla Cisgiordania”.

E ha aggiunto che “Hamas e le altre fazioni si impegneranno a fare quanto è necessario per l’interesse del popolo palestinese e a rispondere a tutte le aggressioni delle forze di occupazione”.

Anche il Fronte popolare per la liberazione della Palestina – FPLP ha dichiarato che i sei mesi di tregua, che scadranno domani, “hanno provato che il nemico sionista non ha rispettato alcun accordo e ha proseguito nella sua politica di aggressioni contro il popolo palestinese”.

Il FPLP non accetta dunque di estendere la tregua e ha lanciato un appello alle forze di resistenza palestinesi affinché formino un “fronte armato unito” contro le forze di invasione israeliane.

Le Brigate al-Quds, ala militare del Jihad islamico, hanno dichiarato che “parlare di tregua non ha più senso, di fronte alle aggressioni israeliane nella Striscia di Gaza”.

Durante i sei mesi di tregua – stipulata il 19 giugno scorso -, le forze di occupazione israeliane hanno compiuto continue aggressioni di terra, mare e cielo contro la Striscia di Gaza, uccidendo decine di persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.