Il Consiglio Legislativo palestinese si riunisce per la seconda seduta ma Hamas la boicotta perché 'illegale'.

Su richiesta del presidente palestinese, Mahmoud Abbas, il Consiglio Legislativo palestinese si riunisce per la seconda seduta, in collegamento via video-conferenza nelle città di Ramallah e Gaza Il movimento di Hamas, tuttavia, ha boicottato la seduta, definendola "illegale".

Salah al-Bardawail, portavoce del gruppo parlamentare di Hamas, ha dichiarato che, senza l’accordo con il gruppo di maggioranza ‘Cambiamento e Riforma’, che ha 41 deputati rinchiusi nelle prigioni israeliane, la seduta rappresenta "un’aggressione alla legalità" e che le decisioni prese durante la sessione "non sono valide".

Hamas, ieri, aveva annunciato il boicottaggio della seduta, spiegando che il periodo "non era quello giusto" e che "la legge prevede la convocazione nella prima settimana del mese di marzo". Il movimento la ritiene "contraria alla legge, perché il Consiglio è in riunione straordinaria in base alla richiesta di 34 deputati presentata al presidente facente funzioni del CLP".

La seduta del Consiglio Legislativo palestinese fallisce

La seduta del Consiglio Legislativo palestinese, indetta dal presidente Mahmoud Abbas con un decreto presidenziale, è fallita per la mancanza del numero legale di parlamentari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.