Ismail Haniyah ha chiesto ai paesi arabi di permettere l'ingresso delle armi per la forza di sicurezza congiunta.

Il Primo ministro palestinese Ismail Haniyeh, oggi venerdì 8 giugno, ha chiesto ai Paesi arabi di far entrare armi per la Forza di sicurezza congiunta che deve applicare il piano di sicurezza presentato dall’ex Ministro degli interni palestinese Hani Qawasmi.

Haniyeh, durante il sermone del venerdì nella moschea del campo profughi di Jabaliya, nel nord della Striscia di Gaza, ha detto che “Farawneh, capo della sala operativa della Forza congiunta, gli ha presentato un rapporto dettagliato su questa Forza ed ha trovato che le mancano le munizioni per applicare il piano di sicurezza”.

Il primo ministro Ismail Haniyeh ha attaccato duramente i Paesi arabi, ma senza nominarne alcuno, per i loro aiuti in armi a qualche parte palestinese a scapito di altre.

Haniyeh, nel suo sermone del venerdì, ha inoltre invitato i Paesi arabi a guardare a tutte le parti sulla scena palestinese, senza distinzione, e non far entrare le armi ad una parte contro un’altra.

Il Primo ministro ha accusato alcuni ambienti palestinesi – sempre senza fare nomi – di impegnarsi per far fallire il Governo di unità nazionale.

E nello stesso contesto, Haniyeh ha chiesto di “porre fine alle intromissioni esterne che rendono tesi i rapporti interni palestinesi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.