Israele libera 255 prigionieri. La maggioranza è membro di Fatah.

Questa mattina, Israele ha scarcerato 255 prigionieri palestinesi, secondo gli accordi presi lunedì con il presidente dell’Anp, Mahmoud Abbas.

Il quotidiano israeliano Haaretz ha riferito che i 255 detenuti, quasi tutti membri di Fatah, sono stati ammanettati e fatti salire su autobus diretti al checkpoint di Beituniya, a sud di Ramallah, e consegnati all’Anp.

La maggior parte erano imprigionati nel carcere di Ketziot, nel Negev. Tra le persone liberate ci sono anche 6 donne.

Tutti hanno firmato l’impegno a non partecipare a "atti di terrorismo contro Israele, in futuro".

L’Alta Corte israeliana ha rigettato l’appello della Almagor Terror Victims Association che si opponeva al rilascio dei prigionieri.

Con questa plateale operazione, Israele sta cercando di rafforzare la figura di Abbas, e il movimento di Fatah ad esso legato, nella battaglia politica interna con gli altri schieramenti palestinesi.

L’evento a cui la foto si riferisce è il rilascio di 159 prigionieri palestinesi, avvenuto nel dicembre del 2004. La maggior parte di essi stava scontando l’ultimo mese di carcere.

Anche in quel caso, il governo israeliano volle favorire la leadership palestinese che aveva sostituito il defunto presidente Yasser Arafat.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.