La Lega Araba discute la decisione del governo israeliano di includere le moschee di Abramo e di Bilal nel ‘patrimonio ebraico’

<!–[if !mso]> <! st1:*{behavior:url(#ieooui) } –>

<!–[if !mso]> <! st1:*{behavior:url(#ieooui) } –> Infopal – Il Cairo. Amr Musa, segretario generale della Lega Araba, condanna con forza a nome della Lega le autorità occupanti israeliane per la loro decisione di includere nell’elenco dei beni che compongono il “patrimonio ebraico” anche le due moschee di Abramo e di Bilal bin Rabah, che si trovano ad al-Khalil (Hebron) e a Betlemme.

 

Questa decisione “conferma che Israele non è sincero sul tema della pace e dei negoziati con la parte palestinese”, ha commentato Musa, aggiungendo che l’argomento “verrà discusso presso la Lega Araba, il 2 marzo, durante la sessione ministeriale della commissione che segue le questioni d’interesse arabo”. La commissione svolgerà infatti un’audizione di un rapporto dettagliato concernente le pratiche israeliane e gli ostacoli che Tel Aviv pone di fronte agli sforzi messi in opera per giungere ad una pace regionale.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.