Lieberman avverte Netanyahu: annullamento degli accordi di Oslo o la caduta del governo

Nazareth – InfoPal. Il ministro degli Esteri israeliano Avigdor Lieberman ha minacciato
di ritirare il suo partito dalla coalizione di governo se il primo ministro non dovesse 
punire l'Anp per la richiesta di riconoscimento dello Stato palestinese all'Onu.

Il giornale ebraico "Yediot Aharonot", nella sua edizione di oggi 21 settembre,
racconta che "Lieberman ha informato Netanyahu della decisione
del suo partito, Yisrael Beiteinu, di ritirarsi dalla coalizione di governo. 
Ciò significa la caduta del governo israeliano, se quest'ultimo non dovesse 
reagire alla scelta unilaterale da parte palestinese mettendo in atto 
una serie di azioni punitive come risposta”.
 
Secondo lo stesso giornale, "il progetto di sanzioni suggerite da
Lieberman comprende l'annullamento degli accordi di Oslo e l'annessione dei grandi
raggruppamenti di insediamenti nella Cisgiordania occupata allo stato ebraico, fermare il
trasferimento della raccolta delle entrate fiscali dell'Autorità palestinese".
 
Silvan Shalom, il primo vice del premier Netanyahu ha affermato che
è importante reagire ai tentativi palestinesi di sfruttare la campagna
 di settembre, definita "una violazione palese degli accordi bilaterali tra
palestinesi ed israeliani”, invitando a prendere tempo prima di annunciare 
i provvedimenti e le sanzioni israeliane a tale riguardo.
 
Avi Dichter, membro del partito Kadima e parlamentare al Knesset, ha rifiutato
i provvedimenti proposti, affermando che "la situazione di isteria israeliana non è motivata".

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.