Lo Sheikh Raed Salah: ‘Israele aveva premeditato il mio assassinio a bordo della nave’

an-Nasira (Nazareth) – Infopal. Il leader del movimento islamico nei Territori Palestinesi Occupati nel 1948 [Israele, ndr], lo Sheikh Raed Salah, ha dichiarato che i commando israeliani che hanno assaltato la nave su cui era bordo hanno tentato di assassinarlo intenzionalmente e che è rimasto in vita solo perché i soldati hanno sbagliato il tiro o non lo hanno riconosciuto bene, colpendo a morte un altro passeggero.

Il 3 giugno, davanti ad un tribunale di 'Asqelon, lo Sheikh Salah ha dichiarato: “I soldati probabilmente mi hanno creduto un altro e lo hanno assassinato”.

Poche ore fa, le autorità di occupazione israeliane hanno deciso, per delibera del tribunale di 'Asqelon, il rilascio dello Sheikh Salah e di altri palestinesi dei territori del '48 (cittadini israeliani), sottoponendoli tuttavia agli arresti domiciliari.

Le accuse nei loro confronti: premeditazione e associazione ad un atto criminoso, e possesso di armi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.