Medici e farmacisti invitano al boicottaggio dei farmaci Teva.

Riceviamo e pubblichiamo.

“Medici e farmacisti invitano al boicottaggio dei farmaci Teva”.

Lo Stato d’Israele da decenni opprime il popolo palestinese con violenze e uccisioni di uomini, donne e bambini: più di 1300 morti e 6000 feriti nella Striscia di Gaza soltanto durante l’ultima operazione militare.
Ciascuno di noi può fare qualcosa per accelerare la sconfitta del sanguinario regime israeliano e favorire la nascita in Palestina di un nuovo paese, nel quale arabi ed ebrei possano vivere in pace con eguali diritti.
Invitiamo medici, farmacisti e pazienti al boicottaggio dei prodotti farmaceutici israeliani e in particolare dei farmaci generici prodotti dalla multinazionale Teva (e dalle consociate Dorom e Ivax).

A capo della Teva, nel quartier generale di Tel Aviv, siede Shlomo Yanai, ex-generale dell’esercito israeliano.Ricordiamo che anche grazie al boicottaggio è stato sconfitto il regime dell’apartheid in Sudafrica. Il boicottaggio di Israele è promosso da migliaia da migliaia di associazioni nel mondo e ultimamente anche dall’Onu.

Il codice a barre dei prodotti made in Israel inizia con le cifre 729.
Non comprare prodotti con quel codice!
Aiutaci ad arricchire la lista dei prodotti israeliani da boicottare, inviando
segnalazioni a perunapacegiusta@yahoo.it
Maggiori informazioni sulla campagna internazionale di boicottaggio di
Israele si possono trovare sul sito www.forumpalestina.org


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.