Militari israeliani fanno irruzione in case e negozi palestinesi di Gerusalemme.

Gerusalemme. Lunedì 1° febbraio, a mezzogiorno, militari e addetti della Municipalità di Gerusalemme hanno fatto irruzione in case e negozi palestinesi di Wadi al-Jouz, nelle vicinanze della città vecchia di Gerusalemme.

Testimoni residenti affermano che militari e addetti della Municipalità di Gerusalemme hanno effettuato perquisizioni in case e negozi, interrogandone i proprietari.

La Municipalità sostiene che i residenti e i proprietari dei negozi non hanno pagato delle tasse di proprietà che Israele impone ai residenti palestinesi.

Tra le case aggredite vi è quella di Ishak al-Qaswasmi, un giornalista locale. Egli riferisce alla Palestine News and information Agency WAFA che sua figlia era sola in casa quando sono avvenuti questi fatti.

Al-Qaswasmi aggiunge che sua figlia è rimasta scioccata a causa del comportamento dei militari. I residenti di Wadi al-Jouz affermano che non è la prima volta in cui le loro case ed i loro negozi vengono sottoposti a raid simili. Ciò, talvolta, avviene nella notte, con le famiglie gettate fuori al freddo mentre i militari effettuano le perquisizioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.