Negata l’esistenza di un piano per evacuare 23 insediamenti illegali.

Nasera – Infopal. Fonti ufficiali dell’esercito israeliano e della polizia hanno smentito l’esistenza di un piano per evacuare in un solo giorno tutti i 23 insediamenti illegali costruiti in Cisgiordania dai coloni sionisti. I militari hanno infatti dichiarato alla radio israeliana di non sapere nulla di un simile progetto, escludendo che sia possibile effettuare un’evacuazione di simili dimensioni in una sola volta.

La notizia del piano è stata data dal giornale di lingua ebraica Haaretz, nella sua edizione pubblicata questa mattina. Secondo Haaretz, di tale piano sarebbe a conoscenza il primo ministro Benjamin Netanyahu. Inoltre, riporta l’organo di stampa, l'esercito, la polizia e le guardie di frontiera avrebbero effettuato un’esercitazione congiunta la settimana scorsa, in vista dell'evacuazione.

Da parte sua, la polizia israeliana ha spiegato che “la cosiddetta esercitazione congiunta era stata pianificata in anticipo, e ha coinvolto solo tre brigate”, mentre lo sgombero simultaneo di tutti gli insediamenti “illegali” richiederebbe la mobilitazione di tutte le forze a disposizione.

L’esercito ha poi riferito che le diverse zone della Cisgiordania sono state ieri il teatro di “atti di violenza” da parte di gruppi di coloni ebrei, “in risposta alla rimozione di diverse strutture mobili e di tettoie costruite senza permesso in tre insediamenti irregolari nella zona di Ramallah”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.