Soldati israeliani uccidono palestinese disabile e ne espiantano gli organi.

Gaza – Infopal. Una nuova frontiera di brutalità è ormai aperta: l'uccisione di cittadini inermi e l'espianto e furto dei loro organi. E' quanto è successo a un giovane portatore di handicap mentale, Ahmad Alsamary, 23 anni, del quartiere al-Shujaiya, a Gaza: mentre si trovava verso l'area di confine tra la Striscia e i territori israeliani, dei soldati gli hanno sparato ai piedi, per immobilizzarlo, poi hanno mandato i cani che lo hanno trascinato verso di loro.

I militari lo hanno ucciso e ne hanno estratto gli organi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.