Nuovo efferato massacro israeliano nella Striscia di Gaza, gli F16 bombardano un quartiere abitato: 9 morti e 40 feriti.

Gaza – Infopal

Fonti palestinesi hanno riferito che un aereo da guerra F16, ieri sera ha bombardato la casa di un dirigente delle brigate al-Quds, ala militare del Jihad Islamico, Ayman al-Fayed (42 anni), nel campo profughi al-Brej, al centro della Striscia di Gaza, uccidendolo.

Alle ore 21,50 ora locale, in un collegamento telefonico con il corrispondente di Infopal.it, il dott. Mu’awiya Hassanien, direttore del servizio di Pronto soccorso di Gaza, ha riferito, in un primo tempo, che l’attacco aereo aveva causato 6 morti, tra cui una donna e due bambini.

I testimoni oculari avevano riferito che la casa di al-Fayed era stata completamente distrutta e che sotto le macerie c’erano numerosi feriti, e che il missile che si è abbattuto sull’edificio era simile a quello lanciato contro l’abitazione del martire Salah Shahada, nella zona ad-Daraj, qualche anno fa.

Durante la notte, tuttavia, il bilancio della carneficina è salito: fonti mediche hanno riferito che sono stati prelevati da sotto le macerie altri 8 cadaveri e 40 feriti, in maggioranza bambini e donne.

Tra i feriti ce ne sono molti in gravi condizioni: questa mattina, uno è deceduto. Sale così a 9 il numero dei cittadini assassinati dall’aviazione israeliana: Ayman Fayed, dirigente delle brigate al-Quds, sua figlia Basma, sua moglie Marwa; Talal Abu Oun, Atallah Ismail, as-Sadi Atallah Ismeri, e altri tre che non sono stati ancora identificati.

In una dichiarazione alla stampa, Abu Ahmad, portavoce delle brigate al-Quds, ha dichiarato che "l’occupazione israeliana ha bombardato una casa civile nel bel mezzo di un quartiere abitato, colpendo bambini e donne. Ciò dimostra il suo fallimento nel saper affrontare la resistenza e fermarne il lancio di missili".
E ha avvisato Israele di "attendere la risposta".

Abu Abir, portavoce delle brigate an-Naser Salah-Iddin, ha affermato che "con questo crimine, l’occupazione israeliana conferma la propria insicurezza", e ha promesso rappresaglie.

Il movimento di Hamas ha dichiarato che "l’occupazione israeliana pagherà un caro prezzo in risposta alla carneficina compiuta con i suoi micidiali F16 contro un quartiere super-affollato".
Sami Abu Zuhri, portavoce di Hamas, ha spiegato alla stampa che "il nostro popolo non rimarrà a mani ferme. L’occupazione pagherà un caro prezzo".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.