Prigionieri palestinesi a rischio di deportazione fuori dalla Palestina

Nablus – InfoPal. Tadamon International, Fondazione per i Diritti Umani palestinese, ha rivelato un piano israeliano, eseguito dai servizi segreti, con il quale si propone ai prigionieri palestinesi il rilascio condizionato alla loro deportazione fuori dalla Palestina.

Così è accaduto a Rami ‘Essam Suleiman, di Marda (Salfit), attualmente in detenzione amministrativa (senz’accusa e prorogabile ad oltranza, ndr), già trasferito dalla prigione israeliana di Megiddo a quella di Hadarim e poi a Shatah.

Ahmed Betawi, legale di Tadamon, ha osservato come questa pratica, volta a demoralizzare i deteuti palestinesi, si attui soprattutto nei confronti di coloro che si trovano in detenzione amministativa, pratica già di per sè illegale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.