Sabato, scontri tra la resistenza palestinese e le forze di occupazione israeliane a nord di Gaza: due resistenti uccisi.

Gaza – Infopal. Sabato, due resistenti sono rimasti uccisi durante scontri con le forze di occupazione israeliane. Fonti mediche nell'ospedale Kamal Odwan hanno confermato di aver ricevuto le salme dei due combattenti.

Le fonti hanno riferito che le due vittime sono Mohammad al-Hamaideh (23 anni), e Jamil Quffah (26 anni), entrambi del campo profughi di Khan Yunes.

L’esercito israeliano aveva dichiarato di aver ucciso due palestinesi armati, che stavano tentando di raggiungere il kibbutz di “Kfar Ezza”, vicino alla barriera elettronico, a nord della Striscia di Gaza. E ha aggiunto che una forza appartenente all’unità Golani aveva intercettato i due palestinesi che stavano tentando di attraversare la barriera.

L’esercito ha anche riferito che i due erano in possesso di armi e munizioni.

La mattina di sabato, fonti mediche palestinesi avevano reso noto il ferimento di due palestinesi durante gli scontri con le forze di occupazione, a est di Jabalia, nel nord della Striscia di Gaza.

Le brigate an-Naser Salah-Iddin, braccio armato dei Crp (Comitati di resistenza popolare), hanno rivendicato il lancio di quattro granate contro le forze di occupazione penetrate a est di Jabalia, e hanno comunicato che un resistente è rimasto ferito a seguito del bombardamento israeliano che ha preso di mira il gruppo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.