Torino. Convegno: ‘Tra scontro e dialogo. Il ruolo dell’informazione nel Mediterraneo’.

Tra scontro e dialogo.

Il ruolo dell’informazione nel Mediterraneo

In un mondo sempre più globalizzato quale ruolo stanno giocando oggi i media per aiutare

a comprendere l’evoluzione, i cambiamenti in atto in società sempre più multiculturali?

Sono strumenti di dialogo, di crescita democratica, di superamento di stereotipi?

O, invece, stanno sottovalutando la complessità insita nel rappresentare le molteplici identità?

Il convegno cercherà di avviare un percorso di riflessione su questi pressanti interrogativi attraverso

la voce di alcuni protagonisti del sistema mediatico della sponda nord e sud del Mediterraneo.

CONVEGNO INTERNAZIONALE

CIRCOLO DELLA STAMPA, Palazzo Ceriana Mayneri, C.so Stati Uniti, 27

Torino, 24 Novembre 2006

9,30-10,00

Saluti delle Autorità

Mercedes BRESSO,

Presidente della Regione Piemonte

Sergio CHIAMPARINO*,

Sindaco di Torino

Enrico SALZA,

Presidente Sanpaolo IMI

Mario BERARDI,

Presidente dell’Ordine dei Giornalisti del Piemonte

Mario ROSSO

, Amministratore Delegato ANSA

Franco TROPEA,

Segretario Associazione Stampa Subalpina

10,00-10,15

Introduzione

Rinaldo BONTEMPI,

Presidente di Paralleli – Istituto Euromediterraneo del Nord Ovest

10,15-12,00

Come si informano gli stranieri che vivono in Italia?

Introduce e coordina

Stefanella CAMPANA,

Giornalista

Proiezione video “Media multiculturali. Nuove voci dell’informazione” a cura del COSPE

– I media locali “segnati” dalla nuova realtà multiculturale

Maria Teresa MARTINENGO,

Giornalista – La Stampa

Milena BOCCADORO,

Giornalista – Rai Piemonte

Angela LANO,

Direttore Agenzia Stampa INFOPAL.IT

Emmanuela BANFO,

Giornalista – ANSA Torino

– Esempi di esperienze giornalistiche innovative in Piemonte e in Italia

Karim METREF,

Giornalista – Piemondo ONLUS

Viorica NECHIFOR,

Giornalista freelance

Audifac Ignace TCHOUNCHA,

Giornalista – Indipendent

Maurizio DEMATTEIS,

Giornalista – Volontari per lo Sviluppo

12,00-13,30

Lo spazio euromediterraneo: nuovi programmi televisivi e nuovi inserti multiculturali

Introduce

Michelangelo CONOSCENTI,

Università di Torino

Codici comunicativi e costruzione del dialogo: problemi e prospettive

Coordina

Marina COSI,

Presidente della Commissione Pari Opportunità della FNSI

Roberto MORRIONE,

ex direttore di Rai News 24 e coordinatore editoriale di Rai Med

Rai Med, il canale satellitare italiano che parla arabo

Giancarlo LICATA,

Giornalista – Responsabile Redazione Rai Mediterraneo Palermo

Il magazine tv Mediterraneo

Giulio PECORA,

Vice Direttore – Ansa, AnsaMed

L’esperienza di AnsaMed

Gennaro SCHETTINO,

Direttore – Metropoli

L’esperienza di Metropoli – La Repubblica

Mustapha BENNABI,

Segretario Generale aggiunto COPEAM

La circolazione degli audiovisivi nello spazio euromediterraneo

Nathalie GALESNE,

Caporedattrice – BABELMED

Internet: i nuovi spazi dell’informazione senza confini. L’esperienza di BABELMED

Luciana ANZALONE,

Giornalista – Rai 3

L’esperienza di “Shukran”

illustrazioni e grafica: luca.sgarbossa@gmail.com

Con il sostegno di: Con il patrocinio di:

15,00 – 17,30

Tavola rotonda. L’informazione nella sponda sud del Mediterraneo: esperienze a confronto

Coordina

Mimmo CANDITO,

Giornalista – Presidente Reporter Senza Frontiere

Partecipano

Nakhle EL HAGE,

Direttore News Al Arabiya – Emirati Arabi Uniti

Mustapha BENNABI,

Segretario Generale aggiunto COPEAM

Şeyda CANEPA,

Corrispondente NTV News Channel – Turchia

Hassan DAOUD,

Giornalista – Libano

Ezzat EL KAMHAWY,

Redattore Akhbar ALAdab – Egitto

Abdelaziz JADIR,

Giornalista e scrittore – Marocco

Carla RESCHIA,

Giornalista La Stampa – Esteri

Cosimo RISI*,

Ministero Affari Esteri

17,30-18,00

Conclusioni

Gianni VERNETTI,

* In attesa di conferma

Sottosegretario Ministero Affari Esteri

Per informazioni: info@paralleli.org – tel. 011 5229825 – www.paralleli.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.