Uccisa una madre con tre bimbi in un nuovo attacco israeliano contro un’abitazione civile.

Dal nostro corrispondente e da www.aljazeera.net

Sono stati uccisi 6 palestinesi, tra cui una mamma e tre bambini, e sono stati feriti altri 15, durante un attacco aereo militare dell’esercito di occupazione contro una casa nel quartiere Ash-Shaikh Radwan, nella città di Gaza. 

Testimoni oculari hanno raccontato che, all’alba di oggi, un aereo ha lanciato un missile contro una casa di proprietà di un attivista di Hamas, Nabil Abu Salmiyeh, e ha colpito subito dopo un’auto provocando il ferimento di 3 persone. 

I gruppi di salvataggio palestinese hanno iniziato la ricerca dei sopravvissuti tra le macerie dal bombardamento israeliano, e hanno trasferito in ospedale i caduti e i feriti. 

Tutto ciò è avvenuto poco dopo l’uccisione di un membro degli apparati di sicurezza nazionali palestinesi e il ferimento di un altro durante un’operazione di penetrazione dell’esercito di occupazione nelle prime ore di oggi, a est di Deir Al-Balah, nel centro della Striscia di Gaza.

 

L’esercito di occupazione ha confermato che forze terrestri, mezzi militari e carri sono entrati nel centro della Striscia con l’obiettivo di liberare il soldato sequestrato e impedire il lancio di missili contro città israeliane. 

Il governo ha infatti dato l’autorizzazione per continuare e allargare le operazioni a Gaza. 

L’invasione israeliana è al suo 18° giorno e sta provocando vaste distruzioni nella Striscia: manca la corrente elettrica e i morti sono saliti a più di 50, tra cui tanti bambini. Da parte israeliana è morto un soldato.

Israele continua a rifiutare l’invito del governo palestinese a effettuare uno scambio di prigionieri – donne e bambini palestinesi – in cambio del soldato israeliano. 

L’ampliamento delle aggressioni contro Gaza sta avvenendo in un momento in cui l’Unione Europea sta offrendo aiuti alla Striscia, nel tentativo di far fronte ai danni causati dall’invasione israeliana.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.