Um al-Fahim: un anno dopo, altra manifestazione dei coloni estremisti

Um Al Fahim - Arabs48

Um al-Fahim – Arabs48

Um al-Fahim – Imemc, InfoPal. Con la scorta della polizia, alcuni estremisti hanno intenzione di marciare oggi nella cittadina di Um al-Fahim, nel nord della Cisgiordania, per chiedere l'espulsione degli arabi dal paese e ricordare Meir Kahane, fondatore del movimento Kach.

Almeno 1.500 poliziotti verranno spiegati nelle vie della cittadina, mentre i coloni saranno guidati dagli attivisti integralisti Baruch Marzel e Itamar Ben-Gvir, che, tra le altre cose, chiedono anche la messa la bando del Movimento islamico israeliano.

Le autorità hanno permesso ai fondamentalisti di formare il corteo, vietando però di fermarsi a protestare di fronte all'ufficio del Movimento. La manifestazione si svolgerà quindi poco lontano, nello stesso luogo della dimostrazione organizzata l'anno scorso, che vide i coloni scontrarsi con decine di arabi della cittadina. Nel corso dei tafferugli, numerosi palestinesi furono feriti ed arrestati dalla polizia.

Quest'anno, tuttavia, la polizia ha deciso di prendere alcune misure che, nelle loro intenzioni, dovrebbero limitare gli scontri. Lo spiegamento di uomini nella cittadina e nella vicina area di Wadi Ara rientra fra questi provvedimenti.

Dall'altra parte, il comune di Um al-Fahim ha deciso di non dichiarare lo sciopero generale, mentre il vicesindaco Mustafa Suheil ha affermato che gli estremisti costituiscono solo una minoranza, e non meritano quindi grande attenzione.

Sempre da parte araba, il giornale israeliano Yedioth Ahronoth ha riportato le parole di Afu Agbaria, membro arabo della Knesset e del partito Hadash, che ha invitato le forze dell'ordine ad astenersi da qualsiasi azione provocatoria e a fare il proprio dovere.

Riyad Jamal, membro del consiglio cittadino, ha invece inviato una lettera al sindaco, shaykh Khalid Hamdan, chiedendogli di convocare una seduta urgente insieme ai rappresentanti delle diverse fazioni del Comitato arabo di follow-up, allo scopo di discutere la visita provocatoria e i modi possibili per affrontarla.

Secondo il giornale israeliano Haaretz, i manifestanti intendono marciare nei pressi degli uffici del Movimento islamico per protestare contro la sua partecipazione alla Freedom Flotilla dello scorso maggio.

Alla spedizione parteciparono infatti settanta affiliati, tra cui shaykh Raed Salah, originario proprio di Um al-Fahim. Nove attivisti turchi furono uccisi e decine rimasero feriti quando la marina israeliana attaccò la nave umanitaria Mavi Marmara.

Salah ha accusato l'esercito israeliano di aver tentato deliberatamente di ucciderlo al momento dell'abbordaggio.

Meir Kahane era un noto rabbino israeliano di estrema destra e il leader dell'organizzazione ebraica Kach, che Israele più avanti considerò un movimento terrorista.

Era conosciuto negli Stati Uniti e in Israele per il suo impegno nell'invocare una massiccia immigrazione ebraica in Israele e l'espulsione degli arabi dalla Palestina, sfruttando la minaccia imminente di un “Secondo olocausto” per giustificare l'immigrazione. Fu inoltre lui a promuovere l'idea della “Grande Israele”, ovvero la proposta di annettere la Cisgiordania e la Striscia di Gaza.

Kahane fu ucciso da un proiettile a Manhattan nel 1990, dopo un discorso pubblico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.