Un Rapporto internazionale annuncia: ‘Mille palestinesi di Gerusalemme minacciati di espulsione a causa della demolizione delle loro case da parte degli occupanti’.

Gerusalemme – Infopal. Un Rapporto internazionale riferisce dell'espulsione di centinaia di civili palestinesi dalla città occupata di Gerusalemme a causa della demolizione delle loro case progettata dagli occupanti israeliani dietro il pretesto dell’abusivismo edilizio, secondo quanto afferma l'Amministrazione comunale degli occupanti.

Un Rapporto pubblicato dall'Ocha, l’Ufficio di Coordinamento degli Affari Umanitari nei territori palestinesi occupati delle Nazioni Unite, rivela che l'Amministrazione comunale degli occupanti israeliani ha emesso 17 ordini di demolizione di case palestinesi costruite nel quartiere di Silwan, col pretesto della mancanza delle autorizzazioni necessarie e sostenendo che alcune di queste case si trovano nella zona di al-Bustan, che l'Amministrazione comunale considera “zona verde”, ovvero interdetta alle costruzioni.

Il Rapporto afferma che “novanta case palestinesi della zona, negli ultimi anni, hanno ricevuto la notifica di demolizione, e ciò ha esposto migliaia di palestinesi al rischio di vivere senzatetto“. Viene inoltre aggiunto che “a partire dall'inizio dell'anno, sono stati già demoliti circa settantacinque edifici a Gerusalemme Est, il che ha portato allo sfollamento di 269 palestinesi, tra cui 131 bambini” 2009

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.