Un’altra vittima di Piombo Fuso: bimbo muore dopo 3 mesi di agonia.

Gaza – Infopal. La guerra totale israeliana contro la Striscia di Gaza, l'operazione nota come “Piombo Fuso”, ha provocato una nuova vittima: si tratta del piccolo Ayham Akram ‘Eid, di 4 mesi.

Il bimbo è deceduto ieri sera, dopo tre mesi di agonia: aveva respirato gas velenoso diffuso nell'aria durante i feroci bombordamenti israeliani.

L'operazione Piombo Fuso, scatenata da Israele il 27 dicembre scorso e terminata il 18 gennaio, il giorno prima dell'insediamento alla Casa Bianca di Barack Obama, ha provocato 1366 morti (430 bambini e 111 donne, 6 giornalisti, 6 medici, 2 operatori Onu), 5360 feriti (1870 bambini e 800 donne), 16 strutture ospedaliere colpite (tra cui l'ospedale al-Quds distrutto). Oltre alla distruzione di 3 scuole dell'Unrwa, al danneggiamento di altre 18; alla distruzione di 19 moschee, 215 cliniche, 28 ambulanze, di 20 mila edifici, di campi e serre.

Durante i 22 giorni di attacchi di cielo, terra e mare, Israele ha utilizzato 1 milione di kg di bombe (di cui il 5% ancora inesplose), di cui ADM (armi di distruzione di massa), e DIME (Dense inert metal explosion).

Varie organizzazioni internazionali hanno presentato denunce contro lo stato sionista, accusato di crimini di guerra.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.