Attacco al convoglio umanitario, l’UNRWA sospende le attività nella Striscia. Ging: ‘E’ ora di applicare il diritto internazionale’.

Gaza – Infopal, giovedì 8 gennaio. John Ging, il direttore dell’UNRWA, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati palestinesi, ha annunciato che le attività verranno sospese a tempo indeterminato, per protestare contro gli attacchi, da parte delle forze di occupazione israeliane, contro i suoi lavoratori e le sue strutture.

In una dichiarazione alla stampa, Ging ha affermato che “questa decisione è stata presa con molta difficoltà. Tutti devono capire che c’è un limite alla nostra sopportazione: l’esercito israeliano spara contro i nostri camion. Non possiamo distribuire aiuti umanitari mentre l’esercito israeliano spara contro di noi”.

E ha aggiunto: “Dobbiamo godere di protezione in base alla Convenzione di Ginevra. Negli ultimi giorni non sono state rispettate né le organizzazioni dell’Onu né i suoi lavoratori”.

La decisione dell’UNRWA giunge a seguito dell’attacco israeliano contro un convoglio umanitario, che ha provocato la morte di un autista e il ferimento di altri tre lavoratori dell’Agenzia.

Ging ha sottolineato che gli israeliani “conoscono bene i camion dell’UNRWA. I nostri percorsi e posizioni sono coordinati con l’esercito israeliano, ma questo ha sparato lo stesso contro i nostri dipendenti che stavano svolgendo un lavoro umanitario”.

E ha concluso: “E’ giunto il momento di applicare il diritto internazionale e di rispettare la Convenzione di Ginevra. Molte delle vittime di questo conflitto sono civili innocenti. La gente, qui a Gaza, sta soffrendo molto: è in corso una distruzione ingiustificata”.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"