Negata l’aula universitaria per il dibattito con Vattimo sulla Fiera del Libro di Torino dedicata a Israele.

Riceviamo da Forum Palestina e pubblichiamo.

Bologna. Negata l’aula universitaria per il dibattito con Vattimo sulla Fiera del Libro di Torino dedicata a Israele
A Bologna arriva lo stop del preside di lettere e filosofia Giuseppe Sassatelli, al dibattito con il filosofo Gianni Vattimo dedicato al boicottaggio di Israele e della Fiera del libro che la avrà come "ospire d’onore". L’appuntamento, era  fissato per il 29 aprile alle 21, con un incontro dal titolo ‘Boicotta Israele, sostieni la Palestina. Incontro-dibattito sul boicottaggio del salone del libro di Torino e sulla resistenza palestinese.
Relatori Gianni Vattimo, comitato Free Palestina’. "Noi non siamo obbligati a concedere spazi – spiega il preside al Corriere – figuriamoci se questi servono a propagandare iniziative antidemocratiche, non condivisibili, inaccettabili in una logica di tolleranza. L’Università non può ospitare eventi che incitano al boicottaggio di Israele". 
Dal canto loro i collettivi che hanno organizzato l’appuntamento, replicano: "Non ci danno un’aula? E noi occupiamo la facoltà di lettere".
Vattimo la prende con maggiore filosofia: "Alla peggio il dibattito lo faremo in piazza, anche perché da professore universitario, se occupo una facoltà mi tolgono lo stipendio".
Vattimo comunque si dice molto amareggiato perché "anche l’università non si sottrae al pensiero unico dominante".

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"