‘Torneremo’, di Joe Fallisi

TORNEREMO
Larnaca, 2 novembre. Sì, stiamo tornando a Larnaca, ma torneremo anche a Gaza. Appena arrivati, Dignity andrà a riposare a Limassol per qualche giorno, poi sarà di nuovo pronta, il 7 novembre, a riprendere il suo viaggio con altri passeggeri verso le coste palestinesi. E’ cominciato un movimento libertario, nato dalla società civile, che nessuno fermerà e che saprà manifestarsi anche in modi imprevedibili. Si tenteranno tutte le vie, non solo quella marina… l’assedio verrà a sua volta assediato e infine distrutto. Confermo quel che ho detto sin dall’inizio di queste corrispondenze: i fondatori di Free Gaza sono gente seria, non chiacchieroni autoreferenziali. Hanno in mente un progetto limpido ed energie e intelligenze altrettanto pulite per attuarlo, non si tratta di un fuoco di paglia. Come da noi – come dappertutto: se i cittadini non si auto-organizzano, fuori e contro i partiti della Casta onnivora, non c’è la possibilità che cambi niente in meglio, né, tanto meno, che il peggio venga scongiurato. L’altra volta il viaggio di ritorno aveva consentito il ricongiungimento di una famiglia palestinese a Cipro e che Saed potesse curarsi. Oggi è con noi uno studente cui l’entità sionista proibisce (come a tanti altri) di uscire e di andare a studiare in un’università europea. Cosa che invece farà, com’è suo diritto. Ora nella Striscia di Gaza ci sono nove attivisti di Free Gaza, compreso Vittorio, che ha deciso di rimanere qualche altro mese ad aiutare i pescatori. Tre sbarcati da Dignity: "Queeva", Theresa (due angeli extraterrestri) e Ramzi, dalla penna corposa. All’orizzonte vediamo navi israeliane… scompariranno come nel viaggio di andata. Del resto, quel che dovevamo fare l’abbiamo fatto. Siamo in acque palestinesi, poi arriveranno quelle internazionali, infine le coste cipriote. Prima che ci imbarcassimo per il viaggio di ritorno è venuto a  salutarci Ismail Haniyeh. Ci ha accompagnato sino a fuori del porto, sventolando la bandiera della Palestina. Ricorderò sempre il suo sorriso radioso. Se Hamas ha stravinto alle elezioni è perché ha saputo esprimere un premier come lui, che vive ancora e sempre nel campo dei rifugiati, col suo popolo. E che anche i suoi nemici sanno benissimo essere onesto e incorruttibile. Per questo lo odiano, impotenti. Creperanno nei loro soldi sporchi di sangue.
Joe Fallisi
Gaza-Larnaca, domenica 2 novembre 2008

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"