10 mujahidin liberati da Israele. Al-Ahrar: ‘Non fidarsi’.

Tel Aviv. Le autorità israeliane hanno deciso di concedere l'”amnistia” a dieci combattenti delle brigate di al-Aqsa, braccio armato del movimento di Fatah. Una lista contenente i nomi dei mujahidin è già stata inviata all'Autorità nazionale palestinese (Anp). Oltre ai dieci, che hanno beneficiato di un'amnistia totale – e possono quindi muoversi e viaggiare liberamente – Israele ha anche concesso alcune amnistie parziali ad altri guerriglieri di Fatah, che potranno muoversi all'interno dei loro distretti.

Il movimento al-Ahrar ha considerato la decisione israeliana l'ennesima manipolazione. Ha quindi invitato i combattenti a non fidarsi d'Israele e a rimanere all'erta su qualsiasi tentativo di attentare alle loro vite.

La notizia delle amnistie è stata paragonata al lancio da parte degli Stati Uniti delle trattative ravvicinate tra Israele e i palestinesi.

Secondo il movimento, queste ultime avrebbero lo scopo di sostenere Mahmud Abbas, “la cui carica è giunta al termine, e di sostenere i suoi inutili negoziati con Israele”.

Al-Ahrar ha anche ricordato che non sarebbe la prima volta che l'esercito israeliano inganna la resistenza, dopo l'assassinio di tre guerriglieri di al-Aqsa di Nablus, uccisi due mesi fa dopo aver ottenuto un'amnistia totale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.