A bloody thursday: giornata di morte e distruzione nella Striscia di Gaza.

Gaza – Infopal. Ieri è stata una giornata di sangue, nella Striscia di Gaza. I morti continuano ad aumentare. 40 sono i feriti.

L’esplosione che ha devastato un’abitazione civile a Beit Lahiya, nel nord, ha ucciso finora 7 persone: tre combattenti delle brigate al-Qassam, ala militare di Hamas, rimasti feriti, sono deceduti ieri sera. Si tratta di Muhammed Hamdan Maqdad, Muhammed Sabri Abu Naja e di Ahmad Munir Subeih.

Nel corso della giornata di ieri fonti ospedaliere avevano confermato che il cadavere di un altro resistente di al-Qassam era stato estratto dalle macerie della casa appartenente alla famiglia Hamoudeh: Ashraf Na’im Mashtahi. Nell’esplosione, provocata molto probabilmente da un missile israeliano, sono morti un neonato, Nour Majdi Hamoudeh, di 4 mesi, Mahmoud ‘Ataya Hamoudeh, di 22 anni, e Omar Abdel Ra’ouf Abu Shaqfeh, di 27.

I feriti sono oltre 40.

Il governo Hamas ha accusato Israele di essere all’origine dell’esplosione che ha devastato l’abitazione.

Il totale dei morti negli attacchi israeliani di ieri, contro il nord e il sud della Striscia, è dunque salito a 11.

Notizie correlate:

12-06-2008: "Bombardamenti aerei israeliani contro la Striscia: sale a 8 il numero dei morti. Decine i feriti."

12-06-2008 Gaza Le forze di occupazione israeliane uccidono 3 palestinesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.