Abu Hilal: gli onesti di Fatah escano dal silenzio.

Gaza – Infopal. Khaled Abu Hilal, segretario generale del movimento palestinese Ahrar (vecchio ramo di Fatah staccatosi in seguito dal gruppo principale, ndr), ha affermato che la “bomba” fatta “esplodere” (l’accusa rivolta a ‘Abbas di essere responsabile della morte di ‘Arafat, ndr) da Faruq al-Qaddumi, presidente del Dipartimento politico dell'Olp, “non è rappresentata dall’accusa in se stessa, né dalle informazioni contenute nel documento, bensì dalla stessa persona che l’ha fatta ‘esplodere’, Faruq al-Qaddumi, segretario del Comitato esecutivo”.

Abu Hilal, in una dichiarazione alla stampa, ha quindi chiesto a coloro che ha definito i “membri onesti di Fatah” di uscire dal silenzio per “riprendersi il loro movimento sequestrato”, e ha aggiunto chetutti i leader di Fatah, senza eccezioni, sanno che ‘Abbas e Dahlan (altro leader di Fatah, ndr) sono responsabili delle condizioni in cui versa il movimento e del reato commesso nei confronti del defunto presidente Yasser ‘Arafat. Tutte le personalità autorevoli di Fatah devono distinguere tra due gruppi di affiliati: quelli dalla parte della Resistenza e quelli che collaborano con i sionisti e aderiscono all'occupazione”.

Il leader di Ahrar ha poi sottolineato che “vi è un piano per escludere i ‘membri onesti’ di Fatah dal processo decisionale palestinese”, e che “chi controlla il movimento attualmente è un gruppo di ‘impiegati’ presso l'occupazione, ostaggi delle disposizioni americane, che non hanno nulla a che fare con il popolo palestinese”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.