Alleati di Israele cercano margini sicuri in Siria

PressTv. Il portavoce del Ministero degli Esteri iraniano Ramin Mehmanparast ha dato

avvisaglie di un complotto guidato da Israele contro la Siria, sostenendo

che i governi filo-israeliani mirano soprattutto a garantire margini sicuri a Damasco.

I sostenitori del regime israeliano cercano di provocare insicurezza e instabilità in Siria, ha dichiarato Mehmanparast martedì durante una conferenza stampa, aggiungendo che l'Iran deplora qualsiasi

ingerenza da parte di paesi stranieri negli affari interni di Damasco.

Abbiamo sempre indicato che funzionari e popolo siriano devono trovarsi in un terreno adatto

per sostenere negoziati “positivi e costruttivi” in una “atmosfera appropriata”, ha aggiunto.

Ha sottolineato che l'Iran critica l'uso di misure violente contro quei cittadini che fanno richieste in modo pacifico.

Il portavoce iraniano ha fatto notare che il governo siriano sta portando avanti riforme e

ha specificato che il paese attualmente si trova in una situazione di tranquillità.

Ha evidenziato che nessun paese ha il diritto di interferire negli affari interni di altri paesi e

ha ribadito che i problemi interni della Siria possono essere risolti senza l'ingerenza di poteri stranieri.

 

Mehmanparast ha dichiatato che il “Risveglio i slamico” nel Medioriente rappresenta

la più grande minaccia per la sicurezza di Israele, aggiungendo che il regime israeliano e i suoi alleati si impegneranno al massimo per garantire un margine di sicurezza facendo ricorso alla tensione e al conflitto.

Ha esortato i paesi vicini ad essere vigili contro complotti israeliani e a focalizzarsi sulle questioni con prudenza.

Traduzione per InfoPal a cura di Federica Daga

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.