Arabia Saudita: i pellegrini della Mecca si riversano nel campo di Mina

Di Ali Khalil

Mina, La Mecca – Afp e Ma’an. Ha avuto inizio ieri lo hajj(http://www.hajinformation.com/get_news.php), il pellegrinaggio annuale più grande del mondo, che quest’anno vede più di due milioni di musulmani arrivare nel vicino campo di Mina dalla Mecca per prepararsi ai rituali solenni.

Alcune stime fanno infatti ammontare il numero di pellegrini a 2,5 milioni, con tutti i mal di testa che questo comporterà per le autorità saudite, dal momento che molti di loro non dispongono del permesso per effettuare il pellegrinaggio.

Ancora ieri notte, i pellegrini arrivavano a ondate nel vasto pianoro di Mina (situato all’esterno di un piccolo villaggio circa 5 km a est della Mecca), utilizzando tutti i mezzi possibili per cominciare il loro hajj.

Nonostante ai pellegrini stranieri siano stati rilasciati 1,7 milioni di permessi, il presidente del Comitato supremo per lo hajj e ministro dell’Interno, il principe Nayef bin Abd al-Aziz, ha dichiarato che il numero di pellegrini giunti dall’esterno avevano raggiunto un record di 1,8 milioni.

Altri 200.000 permessi sono stati invece rilasciati a fedeli provenienti dall’Arabia Saudita o dai vicini paesi del Golfo.

Secondo un funzionario del ministero dell’Interno, numeri definitivi non verranno però annunciati fino a domani, primo giorno della Eid al-Adha o Festa del Sacrificio.

Quest’anno ha comunque visto l’adozione di seri provvedimenti contro chi non possedeva i documenti richiesti, nel tentativo da parte delle autorità d’impedire ai flussi di pellegrini di raggiungere livelli incontrollabili.

Ad esempio, un autista che viene scoperto mentre trasporta pellegrini non autorizzati va incontro a una multa di 10.000 riyal [quasi 2.000 €, ndr] per ogni “clandestino”.

Ciononostante, la regola “niente permesso, niente hajj” è stata ampiamente derisa ieri, dal momento che moltissimi pellegrini non autorizzati si sono ugualmente radunati a Mina dopo essere entrati in territorio saudita.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.