At-Tamimi denuncia la decisione dell’autorità israeliana di chiudere la Moschea di Ibrahim ai musulmani.

Dal nostro corrispondente.

Sheikh Taisir Rajab At-Tamimi, Giudice supremo di Palestina, capo dell’Alto Consiglio dei Giudici, e predicatore alla Moschea di Ibrahim a Hebron, ha denunciato la decisione delle autorità israeliane di chiudere il santuario della Moschea di Al-Ibrahim, oggi e domani, per i fedeli musulmani – e per la quarta volta da quando è iniziato il mese di Ramdan – e di aprirla agli ebrei con il pretesto della loro festa.

Metà dell’edificio della Moschea è stato occupato da tempo e trasformato in sinagoga – la Tomba dei Patriarchi. Le autorità israeliane hanno chiuso il luogo di culto musulmano per aprire una sinagoga per la preghiera ebraica in occasione delle festività di Sukkot, sostenendo che "soltanto le loro feste sono religiose".

In un comunicato, Sheikh At-Tamimi ha sottolineato che la ripetizione di tali chiusure da parte israeliana rappresenta una "violazione ingiustificata contro il nostro diritto alla preghiera, e un’interferenza religiosa nei nostri affari, e un totale dominio sulla Moschea di Ibrahim – convertita in sinagoga ebraica".

Tamimi si è poi rivolto alla comunità internazionale e alle organizzazioni di difesa dei diritti umani affinché intervengano ed esercitino pressioni sul governo israeliano per fermare il "terrorismo psicologico" che colpisce i palestinesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.