At-Tuwani: Colono israeliano attacca bambini palestinesi a causa della negligenza dell’esercito israeliano.

 

Riceviamo e pubblichiamo.

Comunicato stampa
At-Tuwani: Colono israeliano attacca bambini palestinesi a causa della negligenza dell'esercito israeliano.
Operazione Colomba (Operation Dove) – Christian Peacemaker Teams

[Note: secondo la IV Convenzione di Ginevra, la II Convenzione dell'Aja, la Corte Internazionale di Giustizia e numerose risoluzioni ONU, tutti gli insediamenti israeliani nei Territori Palestinesi Occupati sono illegali. Gli avamposti sono considerati illegali anche secondo la legge israeliana.]

30 dicembre 2009

At-Tuwani – Nella mattinata di mercoledì 30 dicembre, un colono israeliano proveniente dall'avamposto di Havat Ma'on (Hill 833) ha inseguito e lanciato pietre contro i bambini palestinesi provenienti dai villaggi di Tuba e Maghayir Al-Abeed che attendevano l'arrivo della scorta militare israeliana. L'attacco è avvenuto a causa del ritardo di 90 minuti da parte dell'esercito.

I bambini stavano attendendo da circa 30 minuti l'arrivo della scorta quando il colono israeliano li ha raggiunti dal vicino avamposto di Havat Ma'on. I quattordici bambini palestinesi, di età compresa tra i 6 e i 15 anni, si sono subito allontanati dal colono tornando verso i rispettivi villaggi. Secondo alcuni testimoni, il colono ha inseguito i bambini per alcune centinaia di metri lanciando delle pietre con una fionda. Tareq Ibrahim Abu Jundiyye, di 15 anni, ha riportato: “I bambini più piccoli hanno iniziato a piangere mentre scappavamo per paura che il colono potesse raggiungerci. Se non fossi scappato sarei stato colpito alla testa da una pietra”.

Mentre i bambini attendevano, i volontari internazionali hanno più volte contattato telefonicamente il comando locale dell'esercito israeliano chiedendo l'invio immediato della scorta. La motivazione addotta dall'interlocutore dell'esercito è stata che, a causa della pioggia, i soldati erano convinti che la scuola sarebbe rimasta chiusa. La scorta è arrivata solo in seguito alla telefonata del sindaco di At-Tuwani al DCO (ufficio distrettuale di coordinamento) palestinese, responsabile del coordinamento con l'esercito israeliano in merito alle questioni civili in Area C. A causa del ritardo della scorta i bambini hanno perso così le prime due ore di lezione.

A causa dei ripetuti attacchi avvenuti da parte dei coloni israeliani provenienti da Ma'on e Havat Ma'on, i bambini palestinesi hanno bisogno di una scorta militare che quotidianamente li segua nel tragitto dai villaggi verso la scuola e viceversa. I bambini devono attendere l'esercito in una area controllata dai coloni israeliani, un luogo in cui più volte in passato  sono stati aggrediti dai coloni israeliani.

Per maggiori informazioni sulla scorta israeliana nell'anno scolastico 2007-2008, incluse mappe, foto e interviste ai bambini si faccia riferimento al rapporto “A Dangerous Journey” disponibile all'indirizzo: http://www.snipurl.com/tx24j

Il rapporto relativo all'anno scolastico 2008-09 sarà disponibile a breve.

Testimonianze video disponibili su richiesta.

…………………………

AT-TUWANI RELEASE: Israeli settler violence against children permitted by Israeli army negligence


Christian Peacemaker Teams – Operation Dove

Video testimonies are available on request.

[Note: According to the Geneva Conventions, the International Court of Justice in the Hague, and numerous United Nations resolutions, all Israeli settlements in the Occupied Palestinian Territories (OPT) are illegal. Most settlement outposts are considered illegal under Israeli law.]

30 December 2009

At-Tuwani – On Wednesday morning, 30 December 2009, an Israeli settler from the outpost of Havat Ma'on (Hill 833) chased and threw stones at Palestinian schoolchildren from the villages of Tuba and Maghayir Al-Abeed. The Israeli army exposed the children to this attack by arriving more than 90 minutes late to escort the children to their school in the village of At-Tuwani.

The schoolchildren had been waiting for the army escort to arrive for nearly 30 minutes when an Israeli settler came out from a house within Havat Ma'on. The fourteen Palestinian children, ages 6-15, immediately began to move away from the settler, towards their village. Witnesses reported that when the settler saw the children moving away, he charged towards them, hurling stones at the children with a slingshot. He chased them several hundred meters, all the way back to their village. Tareq Ibrahim Abu Jundiyye, a 15-year-old boy from Tuba, spoke about the experience: “The younger kids started crying as we were running away because they were afraid the settler would catch them. I mean, we had to run away. If I had stayed I would have been struck on the head by a rock.”

While the children were waiting, international peace activists made calls to the local army office, urging them to send soldiers to escort the schoolchildren. The army dispatcher claimed that the soldiers thought there was no school because of the rain. The army only arrived after the mayor of At-Tuwani called the Palestinian District Coordinating Office (DCO), a Palestinian body responsible for liaising with the Israeli military regarding civilian affairs in Area C, and the DCO in turn spoke with the Israeli army. The army's late arrival caused the children to miss their first two classes of the day.

The young Palestinian children require a military escort to and from school because of repeated attacks by Israeli settlers from Ma’on and Havat Ma’on. The children must wait for the Israeli military in an area controlled by the Israeli settlers, a location where settlers have attacked the children several times in the past.

For a complete report on the school escort in 2007-2008, including maps, photographs and interviews with the children, please see “A Dangerous Journey” at http://snipurl.com/tx24j

A report for the school year 2008-2009 is forthcoming.


Operation Dove – Nonviolent Peace Corps
Palestine/Israel
Ass. Comunità Papa Giovanni XXIII

Email: tuwani@operationdove.org
Web: www.operationdove.org

mobile: +972 54 9925773

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.