B'Tselem: gravi preoccupazioni per la situazione nella Striscia di Gaza.

L’associazione israeliana per i diritti umani B’Tselem, giovedì ha manifestato gravi preoccupazioni riguardo le continue violenze a Gaza. 

Secondo le statistiche di B’Tselem, durante i primi due mesi del 2008, le forze di sicurezza israeliane hanno ucciso 146 palestinesi. Del totale, almeno 42 non erano coinvolti direttamente negli scontri, quando sono stati uccisi, e 11 erano minori. 87 persone sono state uccise a Gennaio, mentre 59 a febbraio (fino al 28). 

I palestinesi hanno ucciso due civili israeliani e un membro delle forze di sicurezza. Una donna è morta durante il bombardamento di Dimona e un altro uomo è stato ucciso da un missile Qassam nel College di Sapir a Sderot. 

B’Tselem ha chiesto ad entrambe le parti di attenersi strettamente alle norme delle leggi umanitarie internazionali, e cercare di fare il possibile per proteggere i civili dalla guerra.

“È assolutamente proibito indirizzare attacchi contro i civili, e B’Tselem rinnova la sua condanna del lancio dei missili Qassam contro i civili israeliani. Lanciare missili contro i civili è un crimine di guerra, e i responsabili devono essere puniti. Israele ha il diritto e il dovere di proteggere i propri cittadini dai Qassam, ma può condurre soltanto azioni legali per raggiungere questo obiettivo”, hanno riferito in una dichiarazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.