Centro al-Mizan: 'La libertà di movimento è un diritto inalienabile'

Ramallah – Infopal. Il Centro palestinese per i Diritti Umani “al-Mizan” (La Bilancia) chiede garanzie sulla libertà di movimento e il rilascio dei documenti di viaggio necessari per i palestinesi.

In una lettera indirizzata al primo ministro dell'Autorità Nazionale Palestinese (Anp) Salam Fayyad, “al-Mizan” ha affrontato questi temi.

“La concessione dei passaporti e l'alleggerimento delle tasse per il rilascio dei documenti di viaggio ai cittadini palestinesi sono diritti costituzionali”.

Il diritto ad essere titolari di un documento di viaggio e la libertà di movimento sono diritti fondamentali inalienabili.

Impedire la libertà di movimento equivale alla negazione delle libertà fondamentali, quali il diritto alla salute, all'istruzione, all'adempimento dei doveri religiosi. 

Pertanto, si richiede l'abolizione delle divergenze politiche alla base di numerose discriminazioni verso i cittadini palestinesi.

La lettera di “al-Mizan” sollecita tutte le parti in causa a compiere il massimo degli sforzi verso una riconciliazione nazionale, a garanzia dei diritti di cittadinanza (tra cui quello preso in esame nella lettera) e, in generale, del diritto all'autodeterminazione e all'indipendenza del popolo palestinese.

La scelta di rivolgersi all'Anp sorge dalla missione di “al-Mizan” di monitorare la situazione giuridica palestinese, ma soprattutto è conseguenza delle  numerose petizioni e denuncie ricevute dai cittadini palestinesi stessi.

Sono soprattutto i palestinesi di Gaza coloro ai quali, con frequenza, viene negato il rilascio e/o il rinnovo del passaporto e, altrettanto di frequente, le ragioni opposte al rifiuto di concedere i documenti sono quelle della “sicurezza”.

Sono infatti numerosi i cittadini di Gaza che non hanno più un titolo di viaggio perché ritirato dagli apparati di sicurezza. Anche qui, nessuna giustificazione viene fornita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.