Collaborazione Israele-Anp: 24 i palestinesi arrestati.

Cisgiordania. Venti civili palestinesi sono stati detenuti ieri mattina dalle truppe israeliane durante l'invasione di alcune comunità della Cisgiordania. Fonti locali hanno riferito in particolare dell'irruzione dell'esercito a sud nelle città di Hebron e Betlemme e a nord nel centro di Jenin.

A Hebron sarebbero otto i palestinesi fermati dall'occupazione, mentre altri 12 sarebbero stati arrestati durante le perquisizioni effettuate nelle case di Betlemme. La radio militare israeliana ha annunciato che i 20 detenuti sarebbero stati portati nei campi militari per essere interrogati; tutti sarebbero inclusi nella lista dei ricercati delle truppe israeliane.

Allo stesso tempo, le forze di sicurezza dell'Autorità nazionale palestinese (Anp), fedeli a Fatah, hanno arrestato quatto membri del Fronte popolare per la liberazione della Palestina (Fplp) a Nablus.

Gli alti funzionari dell'Fplp hanno infatti riferito che le forze dell'Anp si sono sparse nella città cisgiordana e hanno arrestato Muhammad At-Teriaqi, 17 anni, Muhammad Jihad An-Natur, 18, Omer Tayseer Abdul Haq, 18, e Muhammad Al-Madani, 17.

Una fonte vicina alla sicurezza dell'Anp ha inoltre comunicato a Ma'an che gli arresti sono stati eseguiti su richiesta d'Israele. Se i quattro non fossero finiti in manette, riporta la fonte, le forze israeliane avrebbero invaso Nablus e li avrebbero rinchiusi nelle carceri israeliane.

Khalida Jarrar, un membro del Consiglio legislativo palestinese affiliato all'Fplp, ha criticato duramente gli arresti, definendoli “al servizio degli interessi della sicurezza israeliana”.“Si è trattato di una concessione alle condizioni dettate all'Anp da Israele” ha dichiarato Jarrar, sollecitando l'Autorità Palestinese a liberare i quattro e rompere i vincoli con lo stato israeliano.

Lo stesso presidente Mahmud Abbas sta affrontando nuove pressioni al riguardo dopo l'omicidio di tre uomini palestinesi a Nablus la notte di natale. Israele accusava i tre di cospirare ai danni della vita di un colono israeliano. L'Anp si è dichiarata pronta ad arrestare i sospetti se le fosse stato richiesto.

Nello stesso ambito, fonti dell'esercito israeliano hanno rivelato qualche giorno fa che l'Anp e Israele hanno collaborato nello sventare un piano per lanciare un razzo artigianale dalla Cisgiordania.

Il movimento secolare-nazionalista dell'Fplp è stato per lungo tempo un oppositore della cooperazione con la sicurezza israeliana. Nel 2006, i soldati israeliani prelevarono il segretario generale del movimento Ahmad Sa'adat da una prigione dell'Anp a Gerico, dov'era detenuto in base ad un accordo stretto nel 2001 tra i due apparati di sicurezza in seguito all'assassinio del ministro del Turismo israeliano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.